Separatori centrifughi per una lavorazione ottimale del siero

La gamma GEA di separatori centrifughi è una tecnologia versatile per una serie di applicazioni nella lavorazione del siero come: • Scrematura del siero grezzo e del siero concentrato • Rimozione dei batteri dal siero • Sgrassatura del siero (defosfolipidazione) • Produzione di calcio dal siero (DCP) • Estrazione del lattosio

Le grandi aziende lattiero-casearie utilizzano normalmente i chiarificatori GEA per separare i fini del formaggio dal siero e i decanter GEA per rimuovere altra umidità dal concentrato e produrre una cagliata di formaggio con un contenuto di materia secca del 40% circa. Questa cagliata può essere utilizzata per produrre formaggi fusi.

Le nostre centrifughe rappresentano lo stato dell'arte per la tecnologia costruttiva. Possono funzionare in modo continuo e offrono i massimi livelli di sicurezza del prodotto ed efficienza. I separatori, con sistemi CIP (cleaning-in-place) integrati, possono funzionare 24 ore su 24.

I separatori GEA migliorano la qualità di lavorazione delle apparecchiature a valle garantendo una separazione ottimale della materia grassa o dei fini. Il risultato è una migliore qualità di scrematura del siero, minore probabilità di bloccaggio delle apparecchiature a valle e una maggiore durata di servizio delle membrane dell'unità di filtrazione. Questo sistema efficiente può inoltre contribuire alla redditività generale attraverso il recupero e il condizionamento di preziosi costituenti, come i fini del formaggio o la lattoalbumina dall'alto valore nutrizionale. La lattoalbumina, ad esempio, può essere centrifugata mediante separatori ed essiccata in una torre di essiccazione a spruzzo per formare una polvere.

Processi speciali sviluppati da GEA

Oltre a offrire centrifughe altamente efficienti, GEA migliora costantemente i processi di produzione esistenti e sviluppa soluzioni innovative.

GEA utilizza la defosfolipidazione (DPL) come processo di raffinazione del siero basato sulla separazione dei fosfolipidi e/o delle lipoproteine del siero dolce o acido. Il principale vantaggio di questo processo è la produzione di siero perfettamente sgrassato della massima qualità, per una maggiore economia dei successivi processi di lavorazione del siero e una migliore qualità del prodotto finale.

GEA ha inoltre sviluppato il processo DCP (decalcium phosphatization) per ottenere calcio dal siero permeato. Il processo DCP ha assunto un'importanza crescente in questi ultimi anni, in parte perché il calcio rappresenta un prezioso integratore alimentare, ad esempio per latticini, succhi o cereali, ma anche perché l'eliminazione del fosfato di calcio migliora il siero permeato: poiché durante il riscaldamento del siero si produce meno galalite, si limita la formazione di scorie nell'evaporatore e di conseguenza si aumenta il tempo di servizio e si riduce la frequenza dei cicli di lavaggio chimico locale. Il DPC riduce inoltre il contenuto finale di ceneri: un requisito importante se si deve estrarre il lattosio nelle fasi successive di lavorazione.

Estrazione del lattosio

La competenza di GEA nelle tecnologie di processo consente un efficiente recupero del lattosio. Il processo DCP di GEA, abbinato alla nanofiltrazione, permette di ottenere una resa fino all'80%.