Apparecchiature di lavorazione dei liquidi Pastorizzatore compatto per latte MWA per latte, panna e siero

Panoramica

GEA vanta una lunga tradizione nella fornitura di separatori per latte altamente efficienti e affidabili per caseifici in tutto il mondo. Rispondendo all'esigenza da parte del mercato di soluzioni composte da sistemi completi, abbiamo sviluppato una gamma di unità pastorizzatrici compatte per latte pre-assemblate e pre-collaudate, dotate di scrematrice centrifuga integrata, per capacità da 2.000 l/h fino a 35.000 l/h.

La linea di pastorizzazione è il centro nevralgico di ogni caseificio

Oltre allo scambiatore di calore, un componente importante del pastorizzatore è la scrematrice centrifuga, che divide il latte in panna e latte scremato, ed elimina contemporaneamente le particelle estranee.

I nostri pastorizzatori vengono impiegati per produrre un'ampia gamma di prodotti lattiero-caseari, come latte liquido (intero / standardizzato / scremato), Rjashenka (latte riscaldato ad alta temperatura), latte per formaggi, latte per yogurt, latte per kefir, latte per formaggi freschi, panna montata, panna al caffè, panna per smetana, panna da cucina, panna per burro e altro ancora.

Qualità superiore

  • Prodotto finito di altissima qualità
  • Utilizzo dei componenti più affidabili
  • Adattamento su misura in base alle esigenze dei clienti, grazie alle opzioni modulari
  • Piena compatibilità con CIP

Vantaggi dell'unità compatta

  • Soluzione completa da un unico fornitore
  • Interfacce ridotte al minimo
  • Definizione precisa dell'interfaccia
  • Unità pre-collaudata
  • Facile integrazione in ambiente manuale o automatico
  • Sforzi di installazione minimi
  • Requisiti per la messa in servizio ridotti al minimo

Vantaggi per i clienti

  • Soluzione di processo completa, da un unico fornitore
  • Basso consumo di energia, grazie all'elevato recupero di calore
  • Standard di fabbricazione conformi a ISO 9001
  • Un unico sistema di controllo per separatore e pastorizzatore
  • Utilizzo redditizio con moduli di processo affidabili

 

Linea pastorizzatrice per latte

La versione base dell'unità pastorizzatrice per latte garantisce un processo di riscaldamento rapido, con pulizia e scrematura del latte integrate. Il latte crudo freddo, proveniente da un serbatoio di stoccaggio, viene condotto in un serbatoio di compensazione e pompato nella prima sezione di riscaldamento.

Il latte, raggiunta una temperatura di ca. 55 °C, va ad alimentare il separatore, dove viene separato in latte scremato e panna. La concentrazione della panna è regolabile dal 28 al 45 per cento.

Tramite la forza centrifuga, all'interno del separatore il latte viene pulito dalle particelle estranee. La scrematrice ecocream GEA è autopulente ed è dotata di scarico periodico automatico dei solidi separati.

La panna viene trasferita a circa 55 °C in un refrigeratore o in un serbatoio di stoccaggio intermedio. Prima di qualsiasi ulteriore utilizzo, la panna deve essere pastorizzata separatamente. 

Dopo tale operazione, il latte scremato viene ulteriormente riscaldato fino a 74 °C e mantenuto a tale temperatura per 15 s, in un tubo di sosta. La temperatura di pastorizzazione viene continuamente monitorata e registrata. Una valvola di scambio automatica all'estremità del tubo di sosta fa ritornare il latte non sufficientemente pastorizzato nel serbatoio di compensazione, nel caso in cui la temperatura scenda sotto il limite. 

Successivamente il latte va ad alimentare le sezioni di raffreddamento rigenerativo, per riscaldare il latte crudo in arrivo. Il recupero del 92 per cento dell'energia termica riduce al minimo il fabbisogno di energia dell'unità. Infine in latte viene raffreddato a una temperatura di stoccaggio di 4 °C – 8 °C tramite acqua gelida.

Contatto

Come possiamo aiutarti?

Opzioni pastorizzatore per latte

In base alle singole esigenze di produzione, è possibile aggiungere all'unità di processo di base un'ampia gamma di opzioni.

Chiarificatore di batteri

Per ridurre le spore resistenti al calore, che possono essere vitali nel latte pastorizzato, è possibile integrare un chiarificatore di batteri. Si consiglia tale integrazione per la produzione di formaggio a basso contenuto di nitrati.

Standardizzazione

Spesso anziché eseguire una scrematura completa, si richiede la regolazione a un contenuto in grassi prestabilito, inferiore al contenuto in grassi del latte crudo. Tale operazione si ottiene tramite una parziale reintroduzione della panna nel latte scremato. Come opzione è possibile richiedere attrezzature di standardizzazione manuali o ricorrere alla ben collaudata standomat GEA completamente automatica.

Disaeratore

In alcuni casi è obbligatorio un disaeratore per deodorare il latte.

Omogeneizzatore

Un omogeneizzatore ad alta pressione garantisce una riduzione di dimensione e una distribuzione uniforme dei globuli di grasso e delle particelle di polveri aggiunte, al fine di evitare la sedimentazione o l'effetto "creaming" durante lo stoccaggio.

Riscaldamento ad alta temperatura

A seconda della filosofia di produzione del cliente, lo stato batteriologico del latte pastorizzato può essere migliorato aumentando la temperatura di pastorizzazione. Questa è solo una delle tante misure adottabili per aumentare la durata di conservazione del prodotto finale.

Estensione del tempo di ritenzione

Un effetto analogo si ottiene estendendo il tempo di ritenzione. Anche alcuni prodotti necessitano di questo forte riscaldamento per raggiungere una modificazione delle strutture chimiche del latte. Tale operazione viene utilizzata principalmente per la lavorazione del latte per yogurt.

 

Controllo della pressione differenziale

La normativa europea nel settore lattiero-caseario impone di adottare misure di sicurezza contro la possibile contaminazione del latte pastorizzato per effetto del latte non pastorizzato, qualora si verifica un'incrinatura di una piastra nello scambiatore di calore. Per soddisfare tale requisito, viene mantenuta una pressione più elevata sul lato del latte pastorizzato, grazie a una pompa ausiliaria e a una valvola a pressione costante.

Post riscaldamento

Se il latte pastorizzato viene ulteriormente lavorato tramite fermentazione, potrebbe essere necessaria una temperatura di uscita più elevata, di 27 °C – 40 °C. In tal caso, la sezione di raffreddamento tramite acqua gelida potrebbe essere utilizzata in alternativa per il raffreddamento o per il riscaldamento. Tale opzione viene suggerita per la produzione di formaggi, yogurt, kefir o formaggi freschi.

Livello di automazione

Il sistema di comando semiautomatico incluso nella versione base può essere rimpiazzato da un sistema di comando completamente automatico. In un ambiente automatico è possibile uno scambio di segnali tramite I/O digitali o tramite Profibus.

Refrigeratore per panna

La panna viene scaricata dal separatore a circa 55 °C. Per una conservazione più lunga dovrebbe essere raffreddata a 8 °C – 12 °C.

Pastorizzatore per panna

La panna scaricata dal separatore non è pastorizzata e deve essere considerata come panna cruda. In base all'ulteriore lavorazione da eseguire, deve essere pastorizzata, operazione che viene eseguita solitamente a 95 °C per 15 s. Il pastorizzatore per panna può essere collocato su uno skid insieme al pastorizzatore per latte.

Contatto

Come possiamo aiutarti?