Centrifuga Chiarificatori di batteri per latte e siero

I prodotti lattiero-caseari possono subire pesanti contaminazioni a opera di batteri e spore, cellule somatiche e componenti non del latte. Ciò rende ancora più importante la rimozione efficace delle impurità dal latte crudo e dal latte in caldaia, nonché dal siero, un lavoro che viene eseguito in maniera affidabile dalle centrifughe per la rimozione dei batteri di GEA.

Lo spettro di applicazioni va dalla chiarificazione di batteri a singolo stadio, a due stadi, e speciale, nel latte da bere, alla chiarificazione di batteri variabile nel latte per la produzione di formaggi, fino al trattamento del concentrato di siero.

Chiarificatori di batteri GEA per la separazione dei formatori di spore

La centrifuga per la rimozione dei batteri, denominata anche chiarificatore di batteri, separa in particolare i formatori di spore come il Bacillus cereus, resistenti al calore fino a 128 °C e allo stesso tempo tolleranti il freddo, che impattano negativamente sulla durata di conservazione del latte da bere a causa della coagulazione dolce. È possibile inoltre prevenire efficacemente numerosi difetti dei formaggi, grazie all'adozione di centrifughe per la rimozione dei batteri. 

L'impiego di nitrati è inoltre ampiamente superfluo, o se ne può fare del tutto a meno. A causa del peso specifico più alto delle spore rispetto al latte crudo e al latte scremato, esse possono essere rimosse dal latte in maniera estremamente efficiente con l'aiuto di centrifughe per la rimozione dei batteri. La centrifuga – in particolare l'alimentazione, il pacco di dischi e la pompa centripeta – è strutturalmente configurata in maniera ottimale per questo tipo di lavoro. Ogni centrifuga GEA per la rimozione dei batteri inoltre è equipaggiata con un cosiddetto sistema di ricircolazione. Una percentuale fino al 3% del volume di alimentazione viene estratta come liquido vettore e riciclata di nuovo nell'alimentazione. In questo modo è possibile ottenere una riduzione delle spore anche del 99%.

 

Maggiore tenore proteico con proplus GEA

Su richiesta, i separatori per la rimozione dei batteri possono essere dotati di un sistema proplus. Con il sistema proplus è possibile estendere fino a sei volte gli intervalli di espulsione durante la produzione, rispetto ai separatori tradizionali per la rimozione dei batteri. Il risultato è un significativo incremento della resa proteica dal latte crudo impiegato, grazie a una costante riduzione delle perdite, anche del 75%. Il sistema consente inoltre una riduzione dei costi per acque di scarico, manutenzione e usura.

Contatto

Come possiamo aiutarti?

Latte fresco con una durata di conservazione più lunga grazie a prolong GEA

La rimozione doppia dei batteri con due chiarificatori di batteri rimuove in maniera affidabile le cellule somatiche, i batteri e le spore dal latte. Il risultato: il primo latte fresco che combina gusto naturale e contenuto intatto di vitamine con una lunga durata di conservazione. Il processo prolong GEA può essere integrato proficuamente in un ampio spettro di applicazioni nel settore lattiero-caseario, perché la doppia rimozione dei batteri può essere utilizzata senza difficoltà nella produzione di altri prodotti come i formaggi e il latte in polvere.

Centrifuga-Chiarificatore-CSI-Latte-Siero-vista-dall'alto

Grazie alle caratteristiche tecniche citate, è possibile implementare il processo prolong sviluppato da GEA e già utilizzato con successo da numerose imprese nel settore lattiero-caseario. A parte la necessaria pastorizzazione (secondo lo standard IDF senza eccessivo carico termico), non viene eseguito nessun altro trattamento termico. Quando il latte viene sottoposto a trattamenti termici per disattivare batteri e spore (ad es. UHT, ESL), possono verificarsi effetti secondari indesiderati come modifiche del sapore e i costi di processo aumentano.

 

Contatto

Come possiamo aiutarti?

Chiarificazione di batteri del siero

La chiarificazione di batteri è allo stesso modo raccomandata anche a valle del processo di produzione di formaggi, dal momento che il siero viene lavorato a temperature che favoriscono una crescita batterica ottimale.

Centrifuga - Chiarificatore modello CSE per latte o siero

Dopo la chiarificazione di batteri, il siero gocciolante può essere rimescolato con l'altro siero, anziché essere utilizzato per l'alimentazione animale o essere smaltito come veniva fatto in precedenza. A causa dei tempi di permanenza lunghi e delle temperature ottimali per la crescita, si verifica un'intensa crescita batterica anche nelle attrezzature di filtrazione per la concentrazione del siero. Per esempio, quando si devono recuperare le proteine del siero dal latte chiarificato e scremato in forma concentrata (concentrato delle proteine del siero, o WPC) tramite l'ultrafiltrazione, numerose aziende lattiero-casearie ricorrono contemporaneamente all'uso di centrifughe per la rimozione dei batteri. Per adempiere ai più rigorosi requisiti di qualità, i chiarificatori di batteri GEA possono essere utilizzati efficacemente sia per siero che per concentrati. Riassumendo, è possibile raggiungere livelli di efficienza fino al 90% e spesso anche superiori, in relazione alla conta batterica totale.

 

Contatto

Come possiamo aiutarti?

Caratteristiche tecniche e capacità

L'ecoclear è equipaggiato, come soluzione predefinita, con il sistema proplus di GEA, che è disponibile su richiesta per i tipi CSE e CSI.

Capacità

Centrifuga - Chiarificatore GEA ecoclear per latte o siero

ecoclear GEA: 3.000 – 10.000 l/h
CSI / CSE: 10.000 – 60.000 l/h

 

Contatto

Come possiamo aiutarti?