Dall'Asia all'America, fino all'Europa orientale, il mercato delle bibite, dei succhi di frutta e delle bevande analcoliche in genere sta crescendo a ritmo accelerato. Allo stesso tempo, si va diversificando la gamma dei prodotti disponibili: bevande new-age, isotoniche e salutari, ad esempio, stanno differenziando un mercato già maturo e creando nuove opportunità di reddito.

Sete di novità

Da un punto di vista operativo, il settore delle bevande può contare su una efficiente pipeline dell'innovazione che garantisce lo sviluppo e la commercializzazione di prodotti sempre nuovi e di varianti dei prodotti tradizionali (ad esempio birre aromatizzate). Grazie alla differenziazione dei prodotti e all'uso di formulazioni/ingredienti locali, il mercato delle birre artigianali e quello delle bevande funzionali e salutari stanno vivendo un periodo di forte crescita. La sempre maggiore complessità delle formulazioni fa aumentare la richiesta di processi e formati di packaging flessibili. 

Di conseguenza, sia nei mercati maturi sia in quelli emergenti, i produttori di tutto il mondo richiedono componenti, sistemi e impianti integrati per la produzione e la preparazione di succhi, sciroppi, bevande analcoliche, concentrati, caffè, alcolici, vino e birra. Oltre che sulla differenziazione innovativa e sulla qualità dei prodotti finali, i produttori si concentrano in misura crescente sugli aspetti ambientali e sulla sostenibilità di sistemi e soluzioni per la produzione delle bevande sempre più integrati nei moderni impianti. 

Rispetto per l'ambiente

Insieme alla popolazione globale, sta aumentando anche il livello medio di reddito pro capite. E poiché i potenziali di fatturato della tecnologia di processo tendono ad aumentare enormemente in seguito all'aumento dei redditi famigliari, nei mercati in crescita di Cina, India, Russia ed Europa orientale, GEA sta sempre più espandendo la sua posizione nel campo della produzione e preparazione delle bevande. Inoltre, in considerazione dell'urbanizzazione crescente della popolazione, GEA aspira a sviluppare soluzioni innovative per la lavorazione intelligente di cibi e bevande e per un uso più economico delle risorse energetiche. 

Sono disponibili tecnologie come il riempimento asettico, la separazione e la filtrazione centrifuga, sistemi di distillazione avanzati, impianti di riscaldamento e raffreddamento più efficienti, sistemi di riduzione delle emissioni e accessori per la pulizia che riducono al minimo l'uso di materiali di rilevanza ambientale e limitano il consumo d'acqua e di risorse naturali ed energetiche. Inoltre, una struttura degli impianti modulare e più efficiente, l'installazione semplice e rapida e la ridotta necessità di manutenzione consentono ai clienti del settore di trarre vantaggio da costi operativi notevolmente inferiori, mentre qualità ed ecocompatibilità dei loro sistemi di produzione vengono massimizzate. 

"Il desiderio del consumatore di proteggere l'ambiente per le generazioni future è diventato un tema di rilevanza commerciale. A tutte le maggiori aziende dell'industria alimentare/delle bevande si richiede di fornire dati sull'impatto ambientale delle loro attività e, a seguito delle iniziative avviate per ottimizzare gli obiettivi di utilizzo dell'acqua ed emissioni di CO2 nella produzione, i consumatori potranno presto utilizzare questi dati per assumere le proprie decisioni di acquisto" sottolinea Riccardo Gavi del beverages application team di GEA.

L'esperta in comunicazione per il marketing Monica Melloni aggiunge: "In GEA ci dedichiamo allo sviluppo di soluzioni tecnologiche sempre migliori. Non è più possibile sviluppare una nuova macchina o un nuovo sistema che non sia considerevolmente più efficiente, e di solito anche più compatto, mantenendo lo stesso livello di prestazioni. Oggi la fattibilità economica è definita in termini di ecologia e sostenibilità."

"Minore consumo di risorse, sfruttamento ottimale della rigenerazione energetica, meno componenti, minore occupazione di spazio e migliori condizioni di lavoro – oggi sono questi gli argomenti di vendita più forti. Sotto certi aspetti, i nostri clienti ci considerano dei benefattori, ma un produttore di beni strumentali può differenziarsi e portare concreti vantaggi ai propri clienti solo essendo un leader tecnologico. E solo le aziende innovative possono essere leader tecnologici" aggiunge.

Risparmiare risorse per salvare il pianeta

GEA TechnologyTalks Sustainable Solutions infographic

In tutto il mondo circa un terzo di tutto il caffè istantaneo è prodotto con macchine GEA e un litro su quattro di tutto il latte è prodotto con gli impianti di mungitura dell'azienda. Inoltre, un litro su due di tutta la birra prodotta passa attraverso almeno uno dei nostri componenti e più di un quarto di tutta la carne lavorata industrialmente è stato formato, cucinato, grigliato o fritto da macchine GEA.

La catena di produzione di cibi e bevande comprende tuttavia numerosi stadi e attori, dagli agricoltori e fornitori alle società di logistica e ai rivenditori, consumatori e responsabili della gestione dei rifiuti, ognuno dei quali esercita un impatto sull'ambiente. Per attuare una strategia efficace e sostenibile di produzione, trasporto, consumo e riciclaggio nella filiera alimentare e delle risorse rinnovabili, è indispensabile il coinvolgimento integrato di ogni parte interessata lungo l'intero ciclo di vita del prodotto.

Ogni persona ed ogni azienda partecipante deve agire sia come soggetto individualmente responsabile sia come membro di un team. Migliorando la propria incidenza in termini di emissioni di carbonio e adottando le best practice nella sfera di propria competenza, ogni attore può migliorare le prestazioni ambientali e aiutare gli altri partner della filiera alimentare, ottenendo un risultato complessivo maggiore della somma delle parti.  

In un recente rapporto, FoodDrinkEurope ha commentato: "Numerosi produttori di alimenti e bevande applicano già strategie integrate di gestione dell'energia e delle emissioni di anidride carbonica con ottimi risultati. L'obiettivo è aiutare tutte le aziende ad allinearsi a questi obiettivi e incoraggiare i precursori a ottenere risultati ancora migliori. La realizzazione degli obiettivi di riduzione delle emissioni di anidride carbonica nel lungo periodo richiede lo sforzo congiunto delle aziende, delle autorità e della comunità scientifica per allineare le attività di ricerca e sviluppo alle esigenze dell'industria e favorire la competitività economica delle tecnologie emergenti."

Perseguendo l'obiettivo primario della sostenibilità, l'industria alimentare proseguirà nel proprio trend di crescita negli anni a venire, favorita dall'aumento della popolazione globale e dal maggiore reddito pro capite soprattutto nei mercati emergenti. La missione di GEA è fornire soluzioni innovative per una lavorazione intelligente di cibi e bevande e per un uso economico delle risorse energetiche, preservando la salute delle persone e del pianeta e mettendo la propria tecnologia al servizio di un mondo migliore. 

Torna a inizio pagina
Indietro