GEA ha messo in funzione con successo l'apparecchiatura chiave e le tecnologie per il processo di distillazione, fornite come elemento centrale del progetto di ampliamento da 100 milioni di Euro delle distillerie irlandesi Pernod Ricard presso la distilleria Midleton.

Tommy Keane, Responsabile delle operazioni di distillazione, ha sottolineato che l'ampliamento è stato intrapreso per soddisfare la crescita programmata della categoria di whisky irlandese a seguito della decuplicazione delle vendite Jameson negli ultimi 25 anni e del fatto che l'implementazione delle misure di risparmio energetico avrà un impatto molto reale sia sui costi di produzione che sull'impronta di carbonio. "Abbiamo deciso di collaborare con GEA", ha dichiarato Tommy, "una collaborazione nello sviluppo del processo per un periodo di oltre 5 anni. Insieme siamo riusciti a modernizzare le nostre operazioni di distillazione del grano e di cottura del mosto, pur preservando le tradizioni tipicamente irlandesi e le nostre caratteristiche alcoliche esclusive.”

Dati fondamentali

  • Capacità di espansione 64 MLA all'anno
  • Riduzione di CO2 pari a 37.000 tonnellate all'anno*
  • Risparmi di combustibile pari a 5,5 milioni Euro all'anno 
  • Installazione di tubazioni per 8,5 km 
  • 800 strumenti di campo collegati 

(*) equivalente per il nuovo risparmio energetico rispetto al processo tradizionale, alla capacità di espansione 

La nuova Colonna era configurata per distillare con processo energetico a cascata e sottovuoto. Sebbene sia una tecnica ben collaudata, la natura particolare dell'alcool ha richiesto uno sviluppo e una validazione completi. "Questo risultato è stato raggiunto, sia in condizioni di laboratorio sia su scala pilota presso l'impianto della distilleria Midleton per contrastare gli effetti della temperatura e della pressione su certi componenti aromatici chiave" ha dichiarato il portavoce GEA, David Scheiby. "Questo ha comportato il raggiungimento di una nuova pietra miliare tecnologica, con la prima installazione commerciale di distillazione mediante la “ricompressione meccanica del vapore – o MVR, una pompa di calore – con la quale l'energia viene recuperata meccanicamente e reintrodotta nella colonna di distillazione, quasi un "circolo virtuoso" per il recupero e il riutilizzo del calore latente."

Il nuovo processo di distillazione del grano ha sostituito e più che raddoppiato la precedente capacità della distilleria. "Da rimarcare che l'unità ha fornito alcool secondo le specifiche sin dal suo primo giro a "caldo"e dopo solo poche ore dal suo primo riempimento con mosto fermentato" ha dichiarato Tommy Keane.

Indietro