160 separatori per il trattamento dell'olio combustibile pesante e dell'olio lubrificante sulle navi portacontainer classe tripla E

Abbattimento delle emissioni nel trasporto marittimo

A.P. Møller – Mærsk A/S

Il settore dei trasporti marittimi internazionali è sottoposto ad una pressione enorme. La competizione è feroce. Non solo le autorità legislative e una vasta schiera di organizzazioni esigono che il trasporto marittimo debba essere ecosostenibile e avere un consumo minimo di energia, queste richieste emergono anche all'interno del sistema per la necessità di ridurre i costi e nel tentativo di realizzare un'alternativa di trasporto ecologicamente compatibile. “Green Technology” è la parola d'ordine di oggi, e questo caratterizza tutti gli ambiti del settore della cantieristica moderna.

La classe tripla-E rappresenta un nuovo sviluppo di superlativi sotto molti aspetti. Ogni nave avrà una lunghezza di 400 metri, una larghezza di 59 metri e un'altezza di 73 metri, e potrà caricare 18.000 container da 20 piedi. La società di trasporto marittimo A.P. Møller-Mærsk intende impiegare le navi portacontainer per organizzare un servizio shuttle giornaliero fra Asia e Europa per rispondere alla richiesta crescente di scambio fra i due continenti nel modo più efficiente possibile. Con un pescaggio di 14,5 metri le navi possono già attraccare in numerosi porti in Europa; in America, però nessun porto è in grado di gestire questo tipo di pescaggio.

Efficienza energetica e compatibilità ambientale elevate

Centrifuge - Separator OSE

Per la costruzione della classe tripla E, il cantiere coreano DSME (Daewoo) responsabile dell'esecuzione del lavoro, ha inviato a GEA un ordine per un totale di 160 separatori della nuova eagleclass di GEA. Entreranno in funzione a bordo delle 20 navi portacontainer tripla E della Mærsk Line, che sarà lanciata fra la fine del 2013 e il 2015. In questo modo Mærsk sottolinea le relazioni commerciali di lunga data con GEA. 

La tripla E è sinonimo di Economia di scala, Efficienza energetica ed Eco compatibilità. In dettaglio, questo significa: la capacità di 18.000 TEU è di 2500 container o del 16 percento in più della precedente nave da container più grande Emma Mærsk. Il consumo di olio combustibile è del 35 percento in meno rispetto alle altre navi portacontainer che saranno consegnate anch'esse per la rotta Asia-Europa nei prossimi anni. E le emissioni di carbonio della tripla E sono inferiori del 20 percento a Emma Mærsk – rispetto alle navi container medie Asia-Europa, le emissioni di carbonio sono inferiori del 50 percento. La classe tripla E è dotata di un sistema di recupero del calore che recupera fino al 10 percento dell'energia del motore. I risparmi corrispondono ad un consumo annuale di 5000 abitazioni medie europee. Con un chilowatt ora per tonnellata di merci, le navi percorrono 184 chilometri; la prestazione corrispondente di un jumbo jet è di appena un chilometro per tonnellata. Per la nuova categoria di navi, tale risparmio è da attribuire a vari fattori, fra i quali un sistema di propulsione rivoluzionario con il concetto di velocità ridotta, che può essere abbassata a 8,5 nodi.

Ciò nonostante, la nuova rotta Asia-Europa "Daily Mærsk" definirà nuovi standard in termini di puntualità e affidabilità. Invece dei precedenti collegamenti settimanali, è previsto che ogni giorno le navi partano da quattro porti in Asia dirette verso tre porti in Nord Europa e che garantiscano un tempo di trasporto fisso compreso fra 26 e 34 giorni. Questo richiede un'ingegneria navale estremamente affidabile, nella quale il trattamento dell'olio combustibile pesante e dell'olio lubrificante svolgono un ruolo molto importante. E la più grande società di trasporto marittimo del mondo intende trasportare il proprio carico di container in modo molto più economico con le nuove navi. Grazie alle dimensioni maggiori, Mærsk ritiene che i risparmi in termini di costi di trasporto siano del 26 percento per container.

I separatori eagleclass riducono il consumo di energia del 30 percento

Anche i separatori eagleclass per il trattamento di olio combustibile pesante e di olio lubrificante rientrano perfettamente in questa nuova concezione. Contribuiscono all'efficienza e alla compatibilità ambientale delle navi tripla E con una riduzione fino al 30 percento del consumo di energia del tipo OSE, con la minore richiesta di spazio e l'aumento di valore in termine monetari. Grazie a unitrolplus, sono in grado di monitorare e controllare il processo di trattamento dell'olio in modo completamente automatico. Questa nuova generazione di sensori regola l'aggiunta di un volume preciso di acqua di dislocamento per il dislocamento finale dell'olio prima del processo di scarico, comportando un'ulteriore minimizzazione delle perdite di olio e la massima efficienza di separazione, meno processi di scarico e minori carichi dei serbatoi per fango.

L'affidabilità dell'efficienza di separazione anche in condizioni meteo estreme è esattamente il fattore che soddisfa i severi requisiti della società di trasporto marittimo. Questo perché puntualità e affidabilità garantita sono assolutamente essenziali per la nuova rotta giornaliera Mærsk Asia-Europa. Grazie alle prestazioni superiori con un ulteriore miglioramento nell'efficienza di separazione, i tipi OSE garantiscono che a bordo sia richiesto un numero minore di separatori, di conseguenza è necessario immagazzinare un numero minore di ricambi ed è richiesto uno spazio minore. Grazie alla possibilità di utilizzare ricambi identici, anche la standardizzazione della serie del tipo OSE contribuisce a contenere il numero di pezzi che devono essere immagazzinati. I separatori eagleclass di GEA contribuiscono in modo significativo a garantire che la nuova rotta ad alta velocità fra Asia ed Europa funzionerà come programmato. Non saranno certamente l'anello più debole nella catena dell'ingegneria navale estremamente complessa.

Con l'ordine per le 160 unità OSE, comprendente OSE 80, OSE 20, OSE 10 e OSE 5, A.P. Møller – Mærsk non è la sola compagnia marittima che si affida alla tecnologia di GEA. Al contrario, i nove principali operatori di portacontainer utilizzano la tecnologia collaudata per il trattamento dell'olio combustibile pesante e dell'olio lubrificante.

Indietro