Come ottenere il rosso dal verde

Classificazione delle alghe con i decanter

;

Pur in presenza di piccole differenze di dimensioni, e in particolare di densità, è ora possibile classificare le alghe verdi utilizzando un decanter speciale. Ancora una volta GEA è andata oltre i limiti aprendo la strada a nuove aree di applicazione per la tecnologia dei decanter.

Collaborazione tra clienti e GEA

In passato la raccolta delle alghe era associata principalmente alla tecnologia di separazione; fino a poco tempo fa non era possibile usare i decanter tradizionali in queste applicazioni. Tuttavia nel caso particolare della produzione di astaxantina non era possibile separare le cellule di alghe di diverse dimensioni con dei separatori a causa dell’eccessiva forza g. La svolta è avvenuta con un trial effettuato presso il reparto centrale di ingegneria di processo (CPT) di GEA, durante il quale è stato usato un decanter progettato appositamente. Nel corso del trial il know-how di processo di un’azienda biotecnologica è stato combinato con successo con l’esperienza GEA nel settore della centrifugazione. 

L’astaxantina rende rosso il salmone e ha proprietà antiossidanti

L’astaxantina naturale è un pigmento molto pregiato, che viene venduto sul mercato mondiale a diverse migliaia di dollari al chilo. Maggiore è il contenuto di astaxantina nel prodotto finale, venduto in forma di polvere, migliore è il prezzo. L’effetto antiossidante dell’astaxantina è 1000 volte superiore a quello della vitamina E, e la sostanza è usata nell’industria alimentare come additivo, in prodotti per il benessere e alimenti salutari: per esempio è contenuta nei prodotti per rafforzare la vista. In natura, l’alga, o per meglio dire il pigmento, è responsabile della colorazione rossastra dei crostacei e del salmone.

Svolta grazie al decanter

L’azienda biotecnologica aveva già testato numerose tecnologie per ottenere quantità elevate di astaxantina con la separazione dei flagellati; la svolta è arrivata con i trial presso il centro GEA di Oelde. Le differenze minime di densità e nelle dimensioni ponevano ancora dei problemi, rendendo impossibile l’uso di un decanter standard. Tuttavia il processo di classificazione è stato portato a termine con successo grazie alle speciali modifiche apportate al funzionamento del decanter usato per il test.

Indietro