Le pompe di calore trasferiscono energia termica da un livello di temperatura basso, che non ne consente l’utilizzo, ad uno più alto, che la rende utilizzabile. Un esempio di questo processo è nel macello di Zurigo, dove vi sono pompe di calore ad alta temperatura realizzate in partnership con thermea. Energiesysteme GmbH che consentono di ottenere energia per il riscaldamento e la produzione di acqua calda dal calore di scarto.

Pompe di calore ad alta temperatura con compressori GEA a CO2 transcritici nel macello di Zurigo

Abattoir Zurich

Sorto oltre un secolo fa, il macello è uno degli impianti per la lavorazione della carne più importanti della Svizzera e dà lavoro a circa 500 persone. Proprietaria dell’area e dell’edificio è la Città di Zurigo. L’impianto costituisce un modello per molti macelli situati in Svizzera e all’estero. 

Le pompe di calore ad alta temperatura nel macello svizzero utilizzano il refrigerante ecologico R744 (CO2) e sono costituite in totale da 12 compressori GEA a CO2 transcritici, che virtualmente non necessitano di manutenzione. I modelli HGX34/150-4 SH CO2 T garantiscono una potenza termica totale pari a 800 kW.

Ciò consente di produrre acqua calda con una temperatura di mandata di 90 °C ed un coefficiente di prestazione (COP) superiore a 3,4. La potenza termica utilizzabile ottenuta risulta quindi tre volte superiore all’energia usata.

L’alto grado di efficienza è garantito dall’ottimizzazione complessiva del sistema di alimentazione, che consente di ottenere durante tutto l’anno basse temperature di ritorno dai sistemi interni per la produzione di acqua calda e per il riscaldamento degli edifici.

Installazione delle pompe di calore

Le sorgenti di calore sono collegate tra loro ad un circuito chiuso e sono convogliate ad un serbatoio di accumulo che viene raffreddato con la pompa di calore.

Il recupero del calore, sfruttando il refrigerante R744, consente di ridurre significativamente non solo i costi energetici, ma anche le emissioni di CO2: le emissioni annuali di anidride carbonica possono essere ridotte di oltre 510 tonnellate, con un contemporaneo risparmio di 260.000 m³ di gas naturale.

La fotografia a destra mostra l’installazione delle pompe di calore nel macello di Zurigo.

Indietro