Soluzioni all'avanguardia Refrigeratore del mosto

Con il raffreddamento del mosto si passa dalla fase calda alla fase fredda della produzione della birra

Dopo la separazione del trub a caldo, la temperatura del mosto viene abbassata fino alla temperatura necessaria per la semina. Dal punto di vista fisico, il raffreddamento è un processo facile. In pratica, tuttavia, i birrifici possono scegliere diversi metodi di trasferimento termico.

Raffreddamento economico in un'unica fase

Raffreddamento del mosto
Il raffreddamento del mosto in un'unica fase con acqua di cottura pre-raffreddata è considerato il processo attualmente più all'avanguardia. Con questo tipo di raffreddamento, il mosto viene portato alla temperatura di semina in un solo passaggio. In questo modo tutto il calore usato viene riconvogliato nel processo di cottura. A seconda del numero di cotture al giorno, l'acqua di cottura viene pre-raffreddata continuamente o in determinati momenti usando le fasce orarie più economiche per quanto riguarda il consumo di energia elettrica. Il pre-raffreddamento dell'acqua di cottura viene eseguito con salamoia, una miscela di alcol e acqua o mediante evaporazione diretta del refrigerante. Oltre al raffreddamento del liquido di cottura possiamo anche offrire due sistemi alternativi: il sistema di stoccaggio dell'acqua è raccomandato in caso di ricorso all'evaporazione diretta. L'evaporazione diretta è preferibile per un numero elevato di cicli di cottura al giorno. In questo caso è necessario un raffreddamento continuo senza stoccaggio. Naturalmente ciò avviene in modo completamente automatico e con un'elevata efficienza a temperature di evaporazione alte, in un evaporatore a piastra e telaio parzialmente o completamente saldato. Tuttavia per gestire l'eccedenza di energia e acqua la pratica comune era quella di ricorrere al raffreddamento del mosto in due fasi. Nella prima fase dello scambiatore di calore a piastra e telaio, parte dell'energia termica del mosto veniva trasferita all'acqua di cottura. In questo modo l'acqua di cottura preriscaldata veniva messa a disposizione per il ciclo successivo. Nella seconda fase, si utilizzavano acqua refrigerata, salamoie di raffreddamento, miscele di alcol e acqua o l'evaporazione diretta del refrigerante per abbassare la temperatura del mosto alla temperatura di semina.
 

Contatto

Come possiamo aiutarti?