Düsseldorf, 29 luglio 2015 – Nel secondo trimestre del 2015 i ricavi di GEA hanno superato del 3% quelli già elevati fatti registrare l’anno precedente. In particolare il settore dell’assistenza è cresciuto notevolmente. Gli ordini sono leggermente diminuiti a causa dell’acquisizione di un numero limitato di commesse importanti. Tuttavia le attività di base hanno fatto registrare tassi di crescita stabili in entrambi i settori di business di GEA. L’utile operativo è cresciuto ancora, e ciò dimostra che cominciano a farsi sentire gli effetti della maggiore efficienza derivante dall’applicazione del programma “Fit for 2020”. Sia l’EBITDA operativo che il margine EBITDA hanno raggiunto un livello mai ottenuto in precedenza in un secondo trimestre. Nel periodo in oggetto sono state registrate uscite non ricorrenti per circa 134 milioni di euro, che comprendono circa 115 milioni di euro di spese di ristrutturazione sostenute nell’ambito del programma “Fit for 2020”. Nell’ultimo trimestre, quindi, l’utile consolidato complessivo è risultato negativo a causa di queste notevoli spese non ricorrenti.

“Sfortunatamente non siamo riusciti a evitare gli effetti di una nuova perdita di slancio che nel periodo in oggetto ha interessato alcuni dei mercati su cui operiamo. Tuttavia è incoraggiante vedere che le misure ad hoc che abbiamo adottato stanno dando i loro frutti e che la nostra redditività è ulteriormente cresciuta. Per esempio dall’inizio dell’anno il numero dei nostri dipendenti è diminuito di circa 300 unità; una riduzione in parte dovuta al programma “Fit for 2020”. La riduzione del personale e le spese materiali non ricorrenti sostenute per avviare questo progetto strategico dimostrano che lo stiamo implementando in modo sistematico. L’iniziativa procede secondo i programmi”, ha dichiarato Jürg Oleas, CEO di GEA.

 Inoltre nel trimestre scorso sono state fatte tre acquisizioni, due delle quali sono già state completate. Con queste acquisizioni, che nell’insieme nel 2014 hanno generato ricavi per circa 100 milioni di euro, GEA porta avanti la propria strategia di colmare i vuoti di tecnologia tramite l’ingresso nel Gruppo di aziende specializzate e l’ampliamento del proprio portafoglio di prodotti in modo da coprire tutti le fasi del processo.

 Oltre a portare avanti le sue attività operative, nel secondo trimestre il Gruppo GEA ha registrato progressi notevoli nell’ambito del riallineamento strategico previsto nell’iniziativa “Fit for 2020” con l’adozione di una nuova struttura. Partendo da un’organizzazione semplice, armoniosa e snella, l’azienda punta non solo a sfruttare le notevoli possibilità di risparmio esistenti, ma anche, e soprattutto, a creare condizioni che garantiscano la competitività del Gruppo e il raggiungimento degli obiettivi di crescita anche per il futuro.

 In linea con le stime, GEA ritiene che le previsioni attuali per il 2015 saranno rispettate, malgrado una crescita meno dinamica. Partendo da questo presupposto, il dividendo per il 2015 non dovrebbe essere inferiore ai 70 centesimi di euro ad azione pagati l’anno scorso, indipendentemente dalle spese non ricorrenti dovute all’iniziativa “Fit for 2020”.

Gruppo GEA: parametri contabili internazionale principali

(milioni di euro) Q2 2015Q2 2014Variazione %Q1-Q2 2015Q1-Q2 2014Variazione %
Risultati operativi
Ordini1.148,81.169,9-1,82.276,22.194,23,7
Ricavi1.150,11.117,72,92.156,52.068,34,3
EBITDA operativo1139,3128,08,8237,4213,211,4
% rispetto ai ricavi12,111,5-11,010,3-
EBIT operativo 1119,8109,39,6198,6176,112,7
% rispetto ai ricavi10,49,8-9,28,5-
EBIT-20,998,7-46,6157,4-70,4
Attivo netto
Intensità del capitale circolante in % (media degli ultimi 12 mesi)12,311,9-12,311,9-
Liquidità netta (+)/Indebitamento netto (-)603,4-551,8-603,4-551,8-
Posizione finanziaria
Margine cash flow driver26,69,0-6,69,0-
Rendimento del capitale investito in % (con aggiustamento dell’avviamento)316,422,9-16,422,9-
Equivalenti a tempo pieno (alla data della relazione)17.97518.186-1,217.97518.186-1,2
Azioni GEA
Utile per azione ante poste non ricorrenti (euro)40,430,423,20,670,652,6
1) Prima degli effetti delle allocazioni del prezzo di acquisto e delle una tantum 2) Cash flow driver = EBITDA - spese di capitale - variazioni del capitale circolante (media degli ultimi 12 mesi) 3) Capitale impiegato con esclusione dell’avviamento dovuto all’acquisizione della ex GEA AG da parte della ex Metallgesellschaft AG nel 1999 (media degli ultimi 12 mesi) 4) Calcolato prima delle poste non ricorrenti usando le aliquote fiscali corrispondenti per attività in esercizio e cessate
Indietro