Probiotici

Il fattore benessere che viene associato alle bevande e agli alimenti probiotici sta stimolando il mercato di questi prodotti. GEA fornisce la tecnologia per il processo di fermentazione, passando per la produzione delle colture starter fino ad arrivare all'omogeneizzazione ad alta pressione per la produzione di yogurt probiotici da bere e molto altro.

Produzione di colture microbiche per uso alimentare

Le colture microbiche per uso alimentare (microbial food cultures - MFC) sono batteri vivi, lieviti e muffe usati nella produzione di un'ampia gamma di alimenti umani e animali: dai prodotti vegetali fermentati come i crauti e la salsa di soia, a formaggi e yogurt. Mentre le colture starter sono preparazioni MFC che esaltano l'aroma, il gusto, il colore, la consistenza e il valore nutrizionale, le colture probiotiche sono microrganismi viventi che possono essere benefici per la salute. Ma tenere vivi e vitali miliardi di microbi richiede una grande cura.

Coltura starter

I produttori spesso voglio ottenere ceppi microbici individuali. Ma, considerando le centinaia di varietà di colture starter e probiotiche in produzione, è importante che le apparecchiature usate impediscano contaminazioni incrociate. Il punto di partenza della produzione è in genere una "coltura madre" fornita in forma surgelata, altamente concentrata.

Fermentazione

Fermentazione Fermentazione In laboratorio, questo concentrato viene usato per produrre una soluzione pre-coltura, che a sua volta viene coltivata e fatta crescere tramite un fermentatore e un pre-fermentatore fino a una fermentazione completa, operando con una capacità di diverse migliaia di litri.

Separazione

Dopo la coltivazione in fermentatori, la biomassa deve essere separata delicatamente, in condizioni asettiche, dalla soluzione di fermentazione in cui si è moltiplicata. Questa fase richiede molta cura poiché i microbi sono efficaci solo se rimangono vivi. Sforzi di taglio in fase di separazione possono essere dannosi. Le cellule concentrate possono poi essere trattate mediante liofilizzazione o spray drying e successiva pellettizzazione.

Liofilizzazione

La successiva fase più comune per le colture starter è la liofilizzazione. Una volta congelate, le colture possono sopravvivere a lungo. Ciò consente di miscelare successivamente le singole colture in base a specifiche ricette di colture starter, prima del confezionamento finale.

Spray drying

Nel caso di prodotti probiotici, i produttori di solito optano per spray dryer con essiccazione a letto fluido come fase successiva. Minore è il contenuto d'acqua dei batteri, maggiore è la loro percentuale di sopravvivenza.

Pellettizzazione

Nelle applicazioni dell'industria lattiero-casearia, le colture concentrate possono essere alimentate direttamente dal separatore in azoto liquido per cui vengono immediatamente surgelate. Poi possono essere trasformate in piccoli pellet che sono confezionati e conservati in forma surgelata.