Sospensioni inalabili

L'inalazione è spesso il metodo preferito di somministrazione di farmaci per le malattie dei polmoni e offre una serie di vantaggi sia per i pazienti che per il personale medico per la somministrazione di vaccini e altri farmaci biologici.

L'ingrediente attivo di molti prodotti inalabili quali i farmaci antiasmatici, agisce sulle cellule muscolari delle vie aeree polmonari. Tuttavia, tali farmaci antiasmatici possono essere resi inattivi se delle particelle si aggregano nell'inalatore. Inoltre, per impedire che gli aerosol a polvere secca depositino materiale particellare nella cavità orofaringea e nell'inalatore, le particelle somministrate devono avere dimensioni di 1–3 µm e una densità di circa 1 g/cm3.

I farmaci inalati sono abitualmente dissolti in un sistema acquoso, come una soluzione isotonica salina, e somministrati tramite aerosol ad alta pressione per ottenere particelle nebulizzate. La soluzione liquida viene pompata attraverso una valvola di omogeneizzazione a 500-1000 bar, utilizzando un processo di omogeneizzazione monostadio, durante il quale le particelle semisolide vengono disperse nel liquido.

L'omogeneizzazione ad alta pressione consente la riduzione delle dimensioni sia delle particelle medie che di quelle grandi e rende più stabile la sospensione. Inoltre, elimina il rischio biologico e conferisce una migliore tolleranza agli irritanti così come migliora la limpidezza e la trasparenza del prodotto processato.

In aggiunta alla gamma completa di omogeneizzatori, GEA offre anche soluzioni di miscelazione, blending, essiccamento per nebulizzazione e micronizzazione su scala industriale per la produzione di prodotti inalabili, oltre a un livello ineguagliato di competenza nella progettazione e nella configurazione di impianti adeguati: dalle dimensioni dei serbatoi alle valvole e ai P&ID 3D, sia per progetti R&D che per progetti su scala industriale.